Allam e il suo profeta – 2

Allam e il suo profeta

2

allam_casini.jpgInformavo nel post precedente di come l’estremista cattolico Magdi Cristiano Allam, già conosciuto come il “Pinocchio d’Egitto”, e già fedelissimo musulmano prima della sua conversione svoltasi direttamente a Tele-Vaticano, sia approdato alla politica. Ci è riuscito dopo che la sua autocandidatura era stata respinta da Forza Italia e dopo che nemmeno l’aver fondato un movimento di fanatici cattolici spaventati dall’Islam era riuscito a procurargli una poltrona degna di colui che per anni ha combattuto nella trincea dello “scontro di civiltà”, sparando bufale grondanti odio nei confronti dei musulmani sui lettori del “Corriere della Sera”.

Allam è cooptato come indipendente nelle liste UDC, con tanti saluti al suo “partito” che nemmeno presenterà il simbolo e con grande scorno di alcuni dei suoi seguaci, affascinati dal progetto che ora Allam svende per uno strapuntino offerto dalla “vecchia politica”. Si tratta semplicemente di cercare qualche voto in più e Casini in questo è un maestro. Così ha aggiunto la perla di Allam a una collana che vanta già diamanti come Totò Cuffaro.

Nel sito del Ppec, “Protagonisti per l’Europa Cristiana” viene annunciato, con un certo sollievo, che “grazie all’accordo elettorale per le Europee concluso con l’Udc, non è più necessario continuare a raccogliere le firme richieste dalla legge per partecipare alle elezioni del Parlamento Europeo come soggetto politico nuovo”. Ad oggi gli iscritti al Ppec sono ben 531, appare quindi provvidenziale l’accorpamento all’Udc per evitare di essere esclusi dalle elezioni causa firme insufficienti.

Usare il termine “criticare” per definire ciò che Allam ha scritto sul “Corriere” in questi ultimi anni mi sembra riduttivo. “Diffamare” è il verbo più adatto, anche se probabilmente “istigare” è più aderente alla realtà. Confesso che mi sorprende non poco la tendenza a minimizzare il pericolo insito nei pezzi con cui questo personaggio ha vomitato odio per anni e anni su centinaia di milioni di musulmani dalle pagine del maggior quotidiano nazionale. Così come mi sorprende sempre leggere altrettante diffamazioni e istigazioni su alcuni blog presenti anche in questa stessa piattaforma. In “myblog.it” dovrebbero esserci, io penso, regole elementari: quelle che di solito non consentono la pubblicazione di materiali di istigazione al razzismo, al fascismo, al nazismo, oltreché alla pedofilia e alla pornografia. E scritti che costituiscono oggettivamente un’offesa alla Costituzione italiana. Perlomeno.

Davvero strabiliante questo Allam che passa da un monoteismo all’altro: le persone con un minimo di cultura possono farne tranquillamente a meno… Per approfondire le “caratteristiche” di quel campione di coerenza e modello di etica rappresentato da Magdi Allam propongo un articolo di “Micromega” particolarmente significativo.

* * *

Cattivi maestri
di Angelo d’Orsi
Micromega, dicembre 2008

Resistere allo schifo è impresa sempre più ardua, e davvero defatigante. Come si può? Spegnendo radio e televisione, forse? Un buon rimedio, ma non risolutivo. Smettendo di aprire le gazzette del mattino, operazione che non è più quella hegeliana preghiera laica dell’uomo moderno, bensì qualcosa a metà fra gli esercizi di pazienza orientali e la volontà di soffrire di cui Leopold von Sacher-Masoch è nostro maestro sommo. E la rete? Come faremo a sottrarci all’Impero della Rete? Non rimane, allora, che ritirarsi nel cenobio, senza connessione internet, senza telefono, senza servizio postale (questo è facile che accade nell’Italia che aziendalizza i servizi essenziali per i cittadini)…

Ma, poi, poi come potremmo difenderci? Il silenzio della natura sarebbe un rifugio sufficiente? E come potremmo sfuggire al senso di colpa pensando ai milioni di esseri umani – e anche di altri animali – che soffrono ogni giorno per colpa non del fato crudele, non di un destino cinico e baro, non di inattese calamità naturali, ma solo ed esclusivamente di altri esseri umani, che li schiavizzano, li ingannano, li martorizzano, li reprimono, li costringono a tacere o, peggio, a parlare, dicendo il falso. E dunque, ci tocca soffrire. Ci tocca leggere, ascoltare, guardare: ci tocca, e dobbiamo imparare a farlo in modo severamente critico. E se siamo in grado di farlo, ciascuno di noi deve diventare maestro per qualcun altro: insegnare a chi non lo sa fare.

La scelta dello schifo quotidiano è ardua, in questo Paese, ma dilatando lo sguardo il panorama non diviene certo più incoraggiante. Anche se ci sono momenti di euforia, piccole gioie: in Italia la negata ricusazione del giudice al processo Berlusconi/Mills, fuori, le scarpe lanciate contro GWB a Baghdad. Esiste dunque la possibilità di credere ancora nella giustizia, e di sperare nella riscossa degli oppressi? Forse esiste, deve esistere. Eppure si tratta di brevi istanti, subito soffocati e spenti dalle montagne di fango che ci piovono addosso. Micromega sta facendo una campagna di denuncia e, insieme, di solidarietà per il giornalista del Corriere della Sera Carlo Vulpio, “stranamente” sollevato dall’incarico di cronista giudiziario che seguiva le inchieste del magistrato De Magistris. Ma, il tema che vorrei affrontare qui non è “l’avvicendamento” (di solito si premette l’aggettivo “normale”) di Vulpio, o il siluramento di De Magistris, e la connection politica/malaffare/magistratura corrotta, che cerca di sgominare la magistratura impegnata a fare semplicemente quello che la legge le impone di fare. No. Il problema che intendo porre è un altro. E il lettore lo capirà, procedendo con me, sinteticamente.

Dunque, pochi giorni fa un signore che qualche mese prima, tra squilli di trombe e rulli di tamburo, aveva “abbracciato il Cristo”, tanto da assumere un secondo prenome magari poco fantasioso ma sufficien- temente mediatico, “Cristia- no”, ha annunciato di aver fondato nientemeno che un partito politico. Che cosa? Avete letto benissimo. Nell’Italia che, stando ai media di regime, invoca il maggioritario, in un sistema politico governato da due gentiluomini, Silvio e Walter, che si danno da fare per “elidere le estreme” (vogliono forse “elidere” semplicemente il dissenso?), procedendo a una “semplificazione del quadro elettorale”, nell’Italia dei “partiti e partitini”, il signor Magdi Allam – di lui, stiamo discorrendo – ne mette su un altro. E almeno una buona notizia ce l’ha fornita. Ossia, la sua fuoruscita dal quotidiano di via Solferino, dove addirittura, era “vicedirettore ad personam”. E da quelle pagine, trasformate in trampolino di lancio, prima e dopo la sua “conversione”, scenograficamente tradotta in evento televisivo nella notte di Pasqua, seguita da un instant book dal titolo che non saprei se definire più grottesco o comico: “Grazie, Gesù”. Non escludo che l’autore ci comunichi presto che il dedicatario non si sia limitato a replicare con un “Prego, Magdi”, ma gli sia comparso in sogno ingiungendogli: tu fonderai un partito, e su di esso noi costruiremo un mondo che sappia “Vincere la paura” (così il titolo di altra mirabile opera del nostro). […]

Non mi soffermo sul poco originale programma di questo nuovo aspirante leader che in sintesi si riduce al solito trittico Dio/Patria/Famiglia, con una vera ossessione di sottofondo: sconfiggere l’Islam radicale, che per Allam, convertito-pentito, è tutto l’Islam, fatto di alcune centinaia di milioni di Bin Laden. L’ultimo, annunciato impegno di questo islamo-cristianizzato, è insegnare agli italiani ad amare il loro Paese, ma a modo suo (Io amo l’Italia. Ma gli italiani la amano?, recita con improntitudine un altro titolo del nostro). Ma chissà chi gli ha detto che gli italiani aspettano di essere suoi alunni. Chissà chi gli ha lasciato credere che il terrorismo si sconfigge con le ricette che egli ci ha propinato per anni sul “Corriere”. Chissà quale autorità superna gli ha confidato che Cristianesimo ed Ebraismo sono buoni, e l’Islamismo è cattivo. E chissà, infine, chi lo ha consigliato nella decisione di dar via al suo partito: che si chiama, e non è uno scherzo, “Partito Protagonisti Per l’Europa Cristiana”. E qui la congiunzione con il prof. Pera (un altro dei peccati capitali dell’accademia itailana, accanto al prof. Brunetta), è evidente: entrambi sotto la paterna ala protettiva di Benedetto XVI, dalle cui mani di “Vicario di Cristo” Magdi si vanta, nel testo con cui ha annunciato il parto partitico, di aver ricevuto il battesimo. Ne consegue, manco a dirsi, che il partito è non soltanto “una scelta personale”, ma “un dono del Signore”.

Del resto, nella sua biografia autografa, Magdi-Cristiano racconta che sin dalla più tenera età, grazie “a un’opportunità” offertagli sempre “dalla Divina Provvidenza” (a quanto pare c’è una vera joint venture fra l’Allam e l’Altissimo, quale che sia il suo nome), egli frequentò scuole religiose cattoliche, pur essendo islamico, nel natio Egitto. E lì capì, precocemente, che la politica era il suo destino: e che il suo dovere era lottare contro il “mostro ideologico di odio, violenza e morte” che è in sostanza l’Islam. Poi, giunto, ahinoi, in Italia, nei primi anni Settanta, sperimentò un nuovo mostro, il “comunismo internazionalista e terzomondista”, che – attenzione! – “cominciò a picconare dall’interno i pilastri della civiltà cristiana”. Ma non basta: nell’apocalittica visione di Allam, lo “sgretolamento” della “civiltà giudaico-cristiana” sarebbe addirittura proseguita con “il dilagare in seno all’insieme della società laica e liberale, persino in seno alla società cattolica e alla stessa Chiesa, di una profonda crisi dei valori e dell’identità”.

Ecco, quando gli studiosi delle idee e della mentalità, domani, vorranno cercare un idealtipo di pensiero reazionario, autentica fucina di terrore, troveranno nell’opera di questo inquietante figuro materiale adattissimo. Egli non solo ha raccolto il testimone lasciato dall’ultima Oriana Fallaci, con le sue sguaiate invettive contro l’Occidente che non sapeva difendersi come avrebbe dovuto, sgominando i suoi “nemici”, ma è andato molto oltre. Per anni, il Magdi ha condotto, tra il “Corriere” e il suo sito web, una campagna contro ogni voce intellettuale che proponga un pensiero critico, contro ogni forma di dissenso dal nuovo papismo, contro qualsivoglia contestazione, nei riguardi del nuovo pensiero dominante, emanando liste di proscrizione, spingendosi addirittura a invocare, sinistramente, “una bonifica della cultura”, cominciando dai “cattivi maestri” che operano nelle scuole e nelle università. E (questo è il monito che lanciava prima delle elezioni), chiedendo contro di loro sanzioni “non solo a carattere amministrativo”. Ancora una volta, risponderemo: eccoli, i cattivi maestri sono qui. E continueranno, fino a che le sanzioni invocate dai piccoli allam non saranno tradotte in atto. Che ci aspetta? L’ostracismo soddisferà il Grande Accusatore? O non sarà sufficiente. Aspettiamo a piè fermo.

Ma, per ora, la domanda finale, in attesa degli anatemi allamiani, è rivolta al “Corriere”. Come, un tale mediocrissimo scriba che intinge la penna nell’odio, i cui argomenti sono ingiurie criminalizzanti e banalità stupefacenti, all’insegna di un manicheismo penoso, ha potuto crearsi uno spazio simile di manovra? Nell’incoscienza della direzione? Nella sottovalutazione della direzione? Nell’indifferenza della direzione? O in un calcolo della direzione? Ma quale calcolo? Nessuno ci risponderà. E allora, tornando da Allam a Vulpio, mi si lasci fare un’ennesima domanda che non aspette risposte: “Che sta accadendo in quel giornale?”

Allam e il suo profeta – 2ultima modifica: 2009-02-28T12:52:00+00:00da paginecorsare
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Allam e il suo profeta – 2

Lascia un commento