Io sto con la FIOM!

Io sto con la FIOM!
e con la Costituzione, lo Statuto dei Lavoratori,
la lotta dei lavoratori di Pomigliano.

E con tutti coloro che non chinano la testa, MAI

Con un pezzo dal “Fatto Quotidiano” di domenica 17 ottobre

FIOM_cubitale.jpg

“Sì ai diritti, no ai ricatti”

fiom1.jpg
Oggi a Roma il corteo indetto dalla Fiom, attese più di mezzo milione di persone. Per il ministro dell’Interno Roberto Maroni orde di antagonisti sono pronte a scatenare la guerriglia. Da giorni ripete che nel Paese c’è “un clima che può provocare incidenti”. Parole rilanciate anche dal segretario della Cisl Raffaele Bonanni: “Il ministro sa quello che dice”. Un allarmismo che il sindacato dei metalmeccanici rispedisce al mittente. “Tutta invidia. Qualcuno si è reso conto che sarà una grande manifestazione”, dice il leader delle tute blu Maurizio Landini. Anche il Fatto Quotidiano risponde al clima di tensione creato attorno alla piazza e invita tutti i manifestanti ad “armarsi” di videocamera e telefono cellulare, a riprendere i fatti più rilevanti e a caricare i video su YouTube. Con questi filmati ilfattoquotidiano.it produrrà e caricherà su Internet il primo videoreportage giornalistico UGC (User generated content) della storia.
LEGGI ANCHE:
fiom_01_672-458.jpg

fiom_02_672-458.jpg

fiom_06_672-458.jpg

fiom_10_672-458.jpg
fiom_11_672-458.jpg
La richiesta ripetutamente arrivata dalla piazza
e indirizzata in primo luogo alle Confederazioni sindacali,
Cgil in testa, è quella di proclamare uno
SCIOPERO-GENERALE.jpg
L’hanno ribadito nei loro interventi i lavoratori di
Pomigliano, l’ha richiesto con forza Maurizio Landini,
Segretario generale della FIOM.
Alla fine… anche Guglielmo Epifani, superando qualche
“fase di stitichezza”, sia pure con uno sforzo abbastanza
percepibile, ha confermato che si arriverà allo
SCIOPERO GENERALE. EVVIVA !!
La difesa
passa all’attacco

di Stefano Feltri
“Il Fatto Quotidiano”, 17 ottobre 2010


Sarebbe stato tutto più semplice con i fischi e gli incidenti. Dichiarazioni, denunce indignate e contromosse erano già pronte. Invece, come assicurato dagli organizzatori, la manifestazione della Fiom ha riempito Roma senza effetti collaterali.
E quindi si deve parlare dei contenuti, delle richieste e dei problemi che il sindacato guidato da Maurizio Landini ha posto alla politica e non solo. Primo: i metalmeccanici che sostengono la linea dura della Fiom sono tanti. E sono disposti a correre il rischio che Cisl e Uil vogliono evitare: andare allo scontro sui diritti acquisiti anche quando l’imprenditore può spostare la produzione all’estero.
Entrambi gli approcci hanno le loro ragioni, ma la Fiom non è disposta a rimettere in discussione le conquiste del passato. Dovrà tenerne conto Sergio Marchionne, l’amministratore delegato della Fiat che avrà qualche difficoltà a non coinvolgere la Fiom nelle trattative sul futuro degli stabilimenti. Con quali conseguenze è difficile dirlo, adesso.
Secondo punto: la Fiom ha un’influenza crescente sull’intera Cgil, tanto che il segretario generale Guglielmo Epifani ha aperto all’ipotesi di uno sciopero generale che fino a due giorni fa escludeva. Landini ha affermato che, oltre a ridurre le tasse sul lavoro dipendente, come chiedono Cgil e Pd, bisogna aumentarle per i professionisti e sui redditi di capitale. Perché, dice il segretario con una durezza che il Partito democratico non si sognerebbe mai, in questi anni alcuni si sono arricchiti con l’evasione beneficiando di servizi pubblici pagati da altri.
Questo pone un problema al Pd, che ha scelto di inseguire la Lega sul suo terreno, presentando a Varese proposte economiche tarate sulle piccole imprese e non aderendo alla manifestazione di ieri (ne hanno approfittato Antonio Di Pietro e Nichi Vendola).
Terzo punto: dal palco di piazza San Giovanni hanno parlato anche studenti e precari, ma a loro la Fiom non ha molto da offrire. Perché la sua strategia è difensiva, al centro ci sono i lavoratori dipendenti ancora titolari di diritti che altri, precari da sempre, non hanno mai conosciuto. Una crescente influenza della Fiom, sulla Cgil e sulla sinistra, rischia di rimandare la questione di come aumentare i diritti di quelli che non hanno niente da difendere.

Io sto con la FIOM!ultima modifica: 2010-10-16T12:11:00+00:00da paginecorsare
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Io sto con la FIOM!

  1. IL GIORNO DOPO ……….
    .
    HANNO CERCATO DI CRIMINALIZZARE LA FIOM , CON LE SOLITE CAMPAGNE MEDIETICHE ……. CON ALLARMI TERRORISTICI E PREVISIONI CATASTROFICHE , STRUMENTALIZZANDO ANCHE LE INFILTRAZIONI DALLA SERBIA ……..
    .
    MESCHINI IN PREDA AL PANICO …….. ,CHE OGGI HANNO CONTINUATO A FARNETICARE , CERCANDO DI DELEGITTIMARE UNA PIAZZA CHE HA DETTATO LE LINEE DA SEGUIRE , PER UNA VERA E CONCRETA OPPOSIZIONE ….
    .
    IERI LA PIAZZA NON HA SOLO CONTESTATO , NON HA SOLO URLATO LA RABBIA , DI CHI SI SENTE ORFANO DI STATO …….. , MA QUELLA PIAZZA HA GIUDICATO , HA SPIEGATO IL FALLIMENTO DI QUESTO GOVERNO ED HA PROPOSTO .
    .
    IERI LA PIAZZA HA PROPOSTO UNA PIATTAFORMA DA SEGUIRE , PER TRAINARE FUORI DAL BARATRO ,,,,, NEL QUALE BERLUSCA , MARONI , FINI , BRUNETTA ……… EC…….HANNO AVVIATO IL PAESE .
    .
    E’ DI OGGI LA NOTIZIA CHE A SETTEMBRE , ALTRI 670.000 LAVORATORI , SONO STATI POSTI IN CASSAINTEGRAZIONE ……….
    .
    PECCATO CHE IL PD , HA PREFERITO RESTARE A CASA …… NEL SUO CENTRO …… TOMBALE .
    .
    ADESSO SARA’ SCIOPERO GENERALE .
    .
    DALLA PIAZZA DI IERI BISOGNA PARTIRE PER CREARE LA VERA OPPOSIZIONE DI CLASSE .
    .
    UN ABBRACCIO .

  2. bersani, comandato da d’alema, come al solito, non ne azzecca una.
    Possibile che non abbia una linea diretta con tutti i sindacati? Possibile che non tiene conto della volontà dei lavoratori?
    A questo punto: ma da che parte sta?
    Lasciasse il posto a persone più serie e competenti che abbiano a cuore le giuste richieste di chi lavora, di chi realmente porta avanti la Nazione, di chi si alza alle 6 del mattino per far ritorno a casa alla sera, e continua ancora a farlo, nonostante la malefica presenza del governo attuale!

  3. X ANGELA .
    .
    MANGANELLI CILENI …………… ECCELLENTE DEFINIZIONE .
    .
    MANGANELLATE SUI LAVORATORI DI POMIGLIANO , SUI TERREMOTATI , SUI PASTORI SARDI ……… E SU CHI , A TERZIGNO , LOTTA CONTRO I VELENI E PER I PROPRI FIGLI .
    .
    IL MINISTRO DEGLI INTERNI E’ IL MINISTRO DEI MANGANELLI , NEL PAESE DEI MANGANELLI .
    .
    PERCHE’ NON SI TROVA SOLUZIONE AL PROBLEMA MONNEZZA NEL SUD ?
    .
    E’ MOLTO SEMPLICE ED ELEMENTARE …………… SE SI RISOLVE IL PROBLEMA ALLA RADICE , I COMMITTENTI DELLA CAMORRA ………….. QUELLA CONSISTENTE CATEGORIA DI INDUSTRIALI CHE , VOLENDOSI ARRICCHIRE A TUTTI I COSTI , COMMISSIONANO ALLA CAMORRA LO SMALTIMENTO DEI LORO SUB-PRODOTTI TOSSICI ,………. DOVE VANNO A SMALTIRE ?
    .
    IL PROBLEMA NON SI RISOLVE CON UN BUCO ……….. IL BUCO SERVE AD ESSERE RIEMPITO E QUANDO E’ PIENO , SERVE UN ALTRO BUCO .
    .
    IL PROSSIMO SARA’ FATTO NEGLI SCAVI DI POMPEI ………….. VISTO CHE ORMAI LA REGIONE E’ STRACOLMA E SATURA DI TUTTE LE SOSTANZE TOSSICHE , PROVENIENTI DALL’ INDUSTRIA .
    .
    LA CAMPANIA STA DIVENTANDO UNA POLVERIERA ………..
    .
    UN GRANDE ABBRACCIO .

    Scritto da : IL CORVO | 23/10/2010

  4. @ Bruno

    Sì… e anche il capo della polizia si chiama Manganelli: un nome, un programma.
    Grazie della tua risposta al mio commento.

    Se può interessarti, ho presentato proprio ora sul mio blog un libro di Giorgio Galli dal titolo “Pasolini comunista dissidente. Attualità di un pensiero politico”. Sembra che mi sia messa d’accordo con Galli quando ho scritto a mia volta quel “saggetto” su Pasolini e i movimenti del ’68… Un libro importante – il primo che appare sul tema dopo centinaia che trattano delle opere pasoliniane – per comprendere appunto la figura di “Pasolini politico”.

    Grazie ancora. Un abbraccio da Angela

Lascia un commento