Celentano, dopo l’appello il video

Celentano
Dopo l’appello il video 
di Elena Rosselli
“Il Fatto Quotidiano”, 9 giugno 2011 

celentano_il-fatto.jpeg

 

Adriano Celentano continua a dar battaglia sul referendum del 12 e 13 giugno. E questa volta, dopo la lettera-appello del 29 aprile in cui “il Molleggiato” invitava “STUDENTI, comunisti, fascisti, leghisti e operai” ad andare a votare quattro “sì” su nucleare, acqua e legittimo impedimento, lo fa con un video visibile da oggi alle ore 14 sul sito del “Fatto Quotidiano”. Una versione aggiornata del celebre brano “Sognando Chernobyl” in cui alle immagini della catastrofe nucleare del 26 aprile 1986 Celentano mescola quelle della tragedia di Fukushima dell’11 marzo scorso. Il risultato è un mix choccante: nove minuti in cui lo spettatore è obbligato a prendere coscienza di quanto potrebbe accadere (ed è già accaduto) se domenica e lunedì prossimi gli italiani non andassero a votare permettendo di fatto la costruzione di nuove centrali nucleari, nonché la privatizzazione dell’acqua. 

Perché, come ricorda il cantante nel suo appello, anche se gli italiani “già 24 anni fa, ebbero la saggia intuizione di dire ‘no’ alla bevanda radioattiva”, fra tre giorni saranno richiamati a esprimersi “per evitare di saltare tutti in aria”. Già prima che la Cassazione e la Corte costituzionale dessero via libera al nuovo quesito sul nucleare, il “Re degli Ignoranti” diceva: “Mi sembra chiaro che a questo punto non ci resta che l’unico mezzo di sopravvivenza. Il voto. Non possiamo assolutamente mancare. Il 12 giugno dobbiamo andare tutti a votare, contro il nucleare, contro la privatizzazione dell’acqua, contro il legittimo impedimento”. E lo stesso concetto Celentano lo ripete nella lettera di ieri: “Le date del 12 e 13 giugno saranno ricordate come i giorni della riscossa e della purezza contro le contaminazioni malvagie delle scorie radioattive. Sarà proprio in quei giorni infatti – questo il pronostico del cantante – che dalla strana percentuale del 50 per cento + 1 nascerà l’inizio di una SORGENTE dalla quale sgorgheranno i primi zampilli di energia pura”. Un’energia che non solo scalderà e illuminerà le città, “ma soprattutto riaccenderà nel cuore degli uomini quel sentimento di trasparenza e lealtà dal quale poi, nasce l’amore per la bellezza delle cose che ci circondano”.

E se Celentano chiama, i lettori del “Fatto” (come gli spettatori di “Annozero”) rispondono: “Bellissime parole che sottoscrivo in pieno: Adriano sei un mito da sempre! – scrive Stefania – Il referendum è l’unico vero strumento che abbiamo per far sentire la nostra voce su questioni della nostra vita così importanti! Andiamo davvero in massa a votare questi 4 sì, stavolta ce la possiamo fare se siamo tutti uniti, cambiamo per sempre la nostra storia”! “Bravo Celentano, mi hai commosso! – è il commento di Franco – Il 12 e 13 giugno tutti a votare i referendum. È un nostro diritto alla vita”. Perché questa volta è davvero “questione di vita o di morte”.

Celentano, dopo l’appello il videoultima modifica: 2011-06-09T11:01:25+00:00da paginecorsare

3 pensieri su “Celentano, dopo l’appello il video

  1. Purtroppo non sono in grado, al momento, di aggiornare questo blog poiché – in seguito a un trasferimento abitativo – ho cambiato l’e-mail e anche tutti i dati di accesso a “Pagine corsare”.

    Chiedo quindi alla Redazione se è possibile recuperare i dati di accesso e comunicarmeli alla nuova casella di posta: angela.molteni@tiscali.it

    Mi scuso con tutti gli amici e i lettori di “Pagine corsare”, e nei prossimi giorni farò sapere se il problema può o meno essere risolto e in quale modo.

    Grazie e, spero, a presto…
    Angela

Lascia un Commento