Da “Trasumanar e organizzar” di Pier Paolo Pasolini

DA Trasumanar e organizzar di Pier Paolo Pasolini Garzanti, Milano 1971 La poesia della tradizione Oh generazione sfortunata! Cosa succederà domani, se tale classe dirigente – quando furono alle prime armi non conobbero la poesia della tradizione ne fecero un’esperienza infelice perché senza sorriso realistico gli fu inaccessibile e anche per quel poco che la conobbero, dovevano dimostrare di voler … Continua a leggere

La Resistenza e la sua Luce

La Resistenza e la sua luce di Pier Paolo Pasolini Una poesia di Pier Paolo Pasolini, i dipinti di Pellizza da Volpedo, la musica di Ennio Morricone, tratta dal film “La luz prodigiosa” per rendere omaggio alla Resistenza e a tutti coloro che si sono dimostrati Resistenti anche in questi giorni…

Le belle bandiere, di Pier Paolo Pasolini

Le belle bandiere di Pier Paolo Pasolini Tra il 1960 e il 1965 Pasolini, attraverso le pagine di “Vie Nuove”, settimanale del Partito comunista italiano, è impegnato a tenere una rubrica di “dialoghi” con i lettori. Si tratta di una documentazione preziosa per i contributi che lo scrittore-regista fornisce soprattutto sui molti avvenimenti storici e socio-politici di quel periodo. Gian … Continua a leggere

“La ricchezza”, di Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini La religione del mio tempo. La ricchezza (1955-1959) Piero della Francesca, Madonna del parto (1460?). Monterchi (Arezzo) [clicca sull’immagine per ingrandirla] Pier Paolo Pasolini si riferisce (nell’estratto seguente dal suo poemetto La ricchezza) alla sua condizione di povertà, seguita al suo trasferimento con la madre a Roma nel 1950. Pasolini – dopo un periodo in cui fece … Continua a leggere

Il pianto della scavatrice, di P.P. Pasolini

Il pianto della scavatrice di Pier Paolo Pasolini DALE ZACCARIA LEGGE LA POESIA DI PASOLINI Solo l’amare, solo il conoscere conta, non l’aver amato, non l’aver conosciuto. Dà angoscia il vivere di un consumato amore. L’anima non cresce più. Ecco nel calore incantato della notte che piena quaggiù tra le curve del fiume e le sopite visioni della città sparsa … Continua a leggere

PPPP – Pier Paolo Pasolini Poesie

PPPP Pier Paolo Pasolini Poesie La diversità che mi fece stupendo / e colorò di tinte disperate / una vita non mia, mi fa ancora / sordo ai comuni istinti, fuori dalla / funzione che rende gli uomini servi / e liberi. Morta anche la povera / speranza di rientrarvi, sono solo, per essa, coscienza./ E poiché il mondo non … Continua a leggere

Marilyn, di Pier Paolo Pasolini

Marilyn Del mondo antico e del mondo futuro era rimasta solo la bellezza, e tu, povera sorellina minore, quella che corre dietro ai fratelli più grandi, e ride e piange con loro, per imitarli, e si mette addosso le loro sciarpette, tocca non vista i loro libri, i loro coltellini, tu sorellina più piccola, quella bellezza l’avevi addosso umilmente, e … Continua a leggere

I primi che si amano…

I primi che si amano… “I primi che si amano sono i poeti e i pittori della generazione precedente, o dell’inizio del secolo; prendono nel nostro animo il posto dei padri, restando, però, giovani, come nelle loro fotografie ingiallite. Poeti e pittori per cui l’essere borghesi non era vergogna… figli in vigogna e feltri… o povere cravatte che sapevano di … Continua a leggere

La recessione, di Pier Paolo Pasolini

La recessione di Pier Paolo Pasolini testo musicato da Mino De Martino, canta Alice La pagina dedicata a Pier Paolo Pasolini nel sito web di Alice Alice parla dell’Odore dell’India e canta La recessione su testo di Pier Paolo Pasolini in una trasmissione televisiva di Corrado Augias, “Babele”, dedicata ai libri. La recessione, cantata da Alice, è contenuta nel suo … Continua a leggere

A un papa, di Pier Paolo Pasolini

 A un papa da Pier Paolo Pasolini, La religione del mio tempo, Epigrammi, XII (1958), in Pasolini. Tutte le poesie, Meridiani Mondadori, Milano 2003 Pochi giorni prima che tu morissi, la morte aveva messo gli occhi su un tuo coetaneo: a vent’anni, tu eri studente, lui manovale, tu nobile, ricco, lui un ragazzaccio plebeo: ma gli stessi giorni hanno dorato … Continua a leggere