Milano 2009: sembra di essere nel Terzo Reich,…

Milano 2009: sembra di essere
nel Terzo Reich, durante gli anni
della caccia agli ebrei

clandestini3.jpg

Vivo da sempre a Milano e purtroppo ho dovuto assistere (fortunatamente in un solo caso) a ciò che racconta il Gruppo Every One nel brano che riporto riguardo al trattamento dei migranti nella mia città. Avrebbe dell’incredibile, se mi fosse soltanto stato raccontato.

Milano è stata una città accogliente e solidale: chi ha la memoria lunga sa quale fosse il livello di partecipazione della gente comune prima, durante e dopo la seconda guerra mondiale. Poi vi fu la ricostruzione di una città rasa al suolo dai bombardamenti. Ma le persone, le famiglie, subito dopo la fine della guerra, continuavano a essere povere, non c’erano grandi risorse, spesso non si trovava lavoro. Molti vivevano con l’aiuto di altri, poco più fortunati, che magari un posto di lavoro ce l’avevano e potevano mettere sotto i denti tutti i giorni qualcosa. Ricordo, nel palazzo dove allora abitavo, lesionato solo in parte dalle bombe e nel quale eravamo tornati dopo un lungo sfollamento fuori città, come ci si scambiasse tutto, ma proprio tutto ciò di cui si poteva disporre: un cappottino per il bambino piuttosto che un piatto di minestrone, scarpe per una povera madre, i libri per la scuola della sua bambina… Poi, lentamente, il durissimo lavoro di ricostruzione ebbe termine, con esso molte famiglie che vivevano in coabitazione ebbero l’opportunità di avere una propria casa. Furono ricostruite o riattivate fabbriche e uffici e anche il lavoro non fu più una sorta di miraggio.

Milano 2009: sembra di essere nel Terzo Reich,…ultima modifica: 2009-10-01T17:29:00+02:00da paginecorsare
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Milano 2009: sembra di essere nel Terzo Reich,…

  1. TUTTO COME DA COPIONE , IL RAZZISMO DELLA LEGA E’ CONTAGIOSO , POI CON LA CRISI CHE SI ALLUNGA NON SI PUO’ PIU’ PERMETTERE AD ALTRI DI TOGLIERE IL PANE AGLI ITALIANI ….. ADESSO NON SERVONO PIU’ ……… LE AZIENDE INIZIERANNO I LORO PROCESSI DI RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE , CHE TRADOTTO , SIGNIFICA PIU’ PRODOTTO CON MENO OCCUPAZIONE , QUINDI QUESTI SIGNORI DEVONO RITORNARE A CASA O ALTROVE PER FAR FARE BELLA FIGURA ALLA LEGA E PER TENERE IN PIEDI IL GOVERNO DI PAPI ….. .
    .
    IL RAZZISMO E’ COME UN VIRUS E TANTI SONO GLI UNTORI …. MOLTA GENTE SI RITROVA AFFETTA DA QUESTO MALE SENZA AVERNE COSCIENZA , SOLO PER INDUZIONE ED EMULAZIONE .
    .
    FORTUNA CHE DA ME QUESTA ONDA LUNGA NON E’ ANCORA ARRIVATA …. IO PER NATURA SONO UNO CHE REAGISCE .
    .
    UN SALUTO DA BRUNO710

  2. ciao Angela
    io so solo una cosa: quando si comincia a cercar di rimediare (giustamente)a problemi lasciati incancrenire (non si può negare che molti extracomunitari vengano in Italia solo per delinquere o che finiscono col farlo)quelli che rischiano di più sono sempre quelli che non c’entrano. Forse è solo questione di statistica, essendo questi (quelli onesti) più degli altri (i disonesti).
    Occorre una grande accortezza per agire con giustizia.
    Bye

  3. Forse già conosci il sito ellisisland.org, dove sono elencati i nomi di tutti gli italiani passati da lì prima di entrare in America nel corso del ‘900.
    Sono stato centinaia i Bossi, Maroni, Gentilini ecc…ora hanno la puzza sotto il naso.
    notizia fornita dal blog slec.splinder.com.

Lascia un commento