Un piccolo regalo virtuale…

Un piccolo regalo virtuale…

… a Cesare; e anche un omaggio ai napoletani e a tutti i milioni di emigranti che per oltre un secolo sono stati costretti a lasciare il’Italia, soltanto per poter continuare a vivere.

Inevitabile l’accostamento  con tutti gli immigrati che ora scelgono l”Italia come Paese della speranza, spesso contraddetti da una realtà matrigna che li costringe a vivere nella miseria, nello sfruttamento, talvolta nell’inimicizia e nel disprezzo di molti miei concittadini borghesi e benpensanti, che nulla hanno a che vedere con un’accoglienza umana e perfino con principi cristiani spesso vissuti superficialmente o sbandierati a sproposito. E che non fanno neppure lo sforzo per comprendere quale sia l’arricchimento reciproco che nasce dall’incontro tra culture diverse. Per questi immigrati il pane continua a essere molto amaro; ma ho la certezza che non sarà sempre così…

Qualche giorno fa, nei commenti a un mio post, Cesare ha scritto: “Volevo lasciarti un piccolo regalo natalizio se me lo permetti, sebbene sia virtuale. Abbiamo appena messo on line il sito che riguarda l’archivio fotografico di un nostro amico/collega, il cui nonno, padre e figlio (che sarebbe poi il mio collega), hanno sempre svolto il lavoro di fotogiornalisti. Pertanto ti lascio immaginare il valore di un archivio fotografico sterminato che inizia dagli anni venti… C’è di tutto, anche personaggi del calibro di Pirandello, un Pasolini che si prepara a giocare una partita di calcio, la guerra, il dopoguerra… ma non voglio rovinarti il gusto di sfogliare una buona parte della storia iconografica del nostro paese. Eccoti il link: http://www.archiviofotograficocarbone.org/ …” Un regalo virtuale di cui ringrazio Cesare, e che volentieri condivido con altre persone che volessero visitare quel sito.

Ricambio ben volentieri il regalo natalizio virtuale di Cesare, con altrettanto affetto. E lo ringrazio anche per le sue splendide fotografie che spesso hanno allietato le mie giornate, oppure mi hanno dato spunti di riflessione sui tanti problemi che affliggono i giorni nostri…

Lacreme napulitane
Bovio – Buongiovanni

Mia cara madre,
sta pe’ trasí Natale,
e a sta’ luntano cchiù mme sape amaro….
Comme vurría allummá duje o tre biangale…
comme vurría sentí nu zampugnaro!…

A ‘e ninne mieje facitele ‘o presebbio
e a tavula mettite ‘o piatto mio…
facite, quann’è ‘a sera d”a Vigilia,
comme si ‘mmiez ‘a vuje stesse pur’io…

E nce ne costa lacreme st’America
a nuje Napulitane!…
Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule,
comm’è amaro stu ppane!

Mia cara madre,
che so’, che so’ ‘e denare?
Pe’ chi se chiagne ‘a Patria, nun so’ niente!
Mo tengo quacche dollaro, e mme pare
ca nun so’ stato maje tanto pezzente!

Mme sonno tutt”e nnotte ‘a casa mia
e d”e ccriature meje ne sento ‘a voce…
ma a vuje ve sonno comm’ a na “Maria”…
cu ‘e spade ‘mpietto, ‘nnant’ ô figlio ‘ncroce!

E nce ne costa lacreme st’America
a nuje Napulitane!…
Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule,
comm’è amaro stu ppane!

Mm’avite scritto
ch’Assuntulella chiamma
chi ll’ha lassata e sta luntana ancora…
Che v’aggi’ ‘a di’? Si ‘e figlie vònno ‘a mamma,
facítela turná chella “signora”.

Io no, nun torno… mme ne resto fore
e resto a faticá pe’ tuttuquante.
I’, ch’aggio perzo patria, casa e onore,
i’ so’ carne ‘e maciello: So’ emigrante!

E nce ne costa lacreme st’America
a nuje Napulitane!…
Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule,
comm’è amaro stu ppane!

Un piccolo regalo virtuale…ultima modifica: 2009-12-26T13:05:00+01:00da paginecorsare
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Un piccolo regalo virtuale…

  1. DOPPIA RAZIONE DI AUGURI PER ANGELA ……….. UNA TORTA VIRTUALE , DELLE CANDELE DA SPEGNERE E UNA BOTTIGLIA DI BERLUCCHI FREDDA .
    .
    DEVO RINGRAZIARTI PER L’ OMAGGIO AI NAPOLETANI ………….. , IO SONO PARTENOPEO D.O.C. , DIRETTO DISCENDENTE DI PULCINELLA E DELLA SIRENA PARTENOPE .
    .
    BUON COMPLEANNO ANGELA .

Lascia un commento