Il diritto di esprimersi

Il diritto di esprimersi

L’intervento di Michele Santoro – Se visiterete QUESTA PAGINA (PAGINE 1 E 2), nella colonna a destra troverete un elenco di tutti gli interventi alla manifestazione organizzata da Fnsi e Usigrai contro la decisione del governo di sospendere le trasmissioni di approfondimento politico in onda sulla Rai per il periodo di campagna elettorale per le regionali 2010.

* * *

Forse non ce ne siamo ancora accorti, ma in democrazia non ci siamo già più… Come nei più classici esempi dei regimi totalitari, un solo uomo è al potere con un suo gruppo di fedelissimi: nella migliore delle ipotesi possiamo chiamarla “oligarchia”. Tutto è a sua disposizione. Tutto è in suo potere. La Costituzione è ampiamente e ripetutamente violata. Gli è possibile emanare qualsiasi legge – costituzionale o incostituzionale – senza alcun obbligo di ascoltare chi eventualmente dissenta. Per poterlo fare meglio, legifera a colpi di decreto, così toglie qualsiasi opportunità, anche minima, a chi volesse dissentire. L’Italia è un paese che sta vivendo nella totale illegalità e ben pochi sembrano accorgersene.  Denigra e delegittima la Magistratura un giorno sì e l’altro pure. Non gli è bastato “scendere in campo” per tutelare i propri interessi personali, non gli è  stato sufficiente depenalizzare tutto quanto poteva ostacolarlo nei suoi loschi traffici, ora l’intero Parlamento legifera per lui, per i suoi affari. Se ne fotte di chi non ha lavoro, di chi l’ha perso o sta per perderlo, di chi ha pensioni e salari da fame, di chi si vede letteralmente franare la terra sotto ai piedi. Si serve di un garante della Costituzione che non garantisce un bel niente  e che ha un coraggio da don Abbondio. Manda a morire, in mare o da Gheddafi, perfino i migranti che chiedono asilo. Punisce e umilia quotidianamente cittadini comuni e premia evasori fiscali, gentaglia che porta capitali all’estero, concussori e concussi, truffatori, tangentari, puttane e puttanieri. La Costituzione non è più operante in Italia, da un bel pezzo. E la televisione, grazie a lui, è un bordello.

Ricordo che, all’inizio, l’altro Cavaliere, governava con la sua maggioranza, in presenza di una opposizione dove c’erano i Gramsci e i Matteotti: li neutralizzò come sappiamo. Poi, le sue leggi furono una escalation: dalla soppressione della libertà di stampa e di espressione al partito unico, dalle elezioni-farsa dove si doveva assegnare un Sì o un No – con schede di diverso colore – al partito unico, dalla decurtazione di stipendi e di salari all’indottrinamento coatta delle giovani generazioni. Anche per attuare un atto estremo come l’entrata in guerra non gli serviva alcun dibattito in Parlamento, bastava che andasse in piazza Venezia a dire agli italioti che aveva già consegnato la dichiarazione di guerra agli ambasciatori di Francia e Inghilterra per ottenere un’approvazione delirante. Non gli bastarono 330.000 morti (soldati) e 85.000 morti (civili)… per non parlare di quanti cittadini italiani rimasero invalidi… Proseguì mettendosi, da bravo servo, a disposizione di Hitler, caricando di italiani (ebrei, Rom, omosessuali) i treni italiani e inviandoli in Germania a finire i loro giorni nelle camere a gas.

Ora qualcuno ricordi a me, per favore, quali norme, quali leggi abbia varato Benito Berlusconi che siano state un contributo a cambiare “in meglio” anche soltanto un poco le cose in questo paese, a modificare anche soltanto di una virgola il disagio che vivono quotidianamente milioni e milioni di italiani. Perché quelli che hanno avuto vantaggi e privilegi, ricchezze e onori sono poco  più dell’1 per cento di tutti i nostri concittadini.

* * *

2 marzo 2010 – “Un capitolo di Petrolio di Pier Paolo Pasolini, trafugato o rubato dopo il suo assassinio, sarebbe nelle mani del senatore Marcello Dell’ Utri, che lo presenterà il 12 marzo alla ‘Mostra del Libro antico’. Un corista nigeriano gay che canta per la Santa Sede sarebbe coinvolto in un giro di prostituzione che riguarda Angelo Balducci, ex presidente del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici. Il senatore calabrese Di Girolamo, eletto come rappresentante degli italiani all’ estero grazie a una falsa residenza in Belgio, in una strada inventata, definito “mio schiavo” da un faccendiere nazista e considerato punto di riferimento della ‘ ndrangheta nelle istituzioni, è stato applaudito in Parlamento da molti colleghi del Pdl. Esperti della Lega Calcio si sono confrontati con esperti della tradizione orale nel Triveneto per stabilire che l’ esclamazione “Orco Diaz”, sfuggita di bocca al calciatore del Chievo Marcolini, non è da considerare blasfema, mentre risulta punibile “Zio Cane” a patto che il labiale, visionabile nei filmati, sia inequivoco. Un trapezista licenziato, per la disperazione, ha cercato di lanciarsi dal palazzo di fronte dentro il Quirinale per conferire con il Capo dello Stato. Una sola delle precedenti notizie è falsa, tutte le altre sono vere: sapreste dire quale?”
[Michele Serra, “la Repubblica” 4 marzo 2010]

La prima delle notizie riportate da Michele Serra
è quella per cui prego tutti gli amici e visitatori di questo
blog di scusare la mia assenza degli scorsi giorni –
e molto probabilmente anche dei prossimi.

Mi scuso anche se non riuscirò neppure a leggere
e a commentare i vostri post, anche se mi auguro che
qualcuno leggermente scandalizzato da tanto orrore
e magari disposto a “rimboccarsi le maniche” sia rimasto…

Il diritto di esprimersiultima modifica: 2010-03-07T04:35:00+01:00da paginecorsare
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “Il diritto di esprimersi

  1. LA SOSPENSIONE DI QUESTE TRASMISSIONI , RIENTRA IN UNA STRATEGIA ELETTORALE , OGGI BEN DELINEATA .
    .
    LA STORIA DELLE LISTE E’ STATA ARCHITETTATA AD OK , PER FARE CAMPAGNA ELETTORALE E PER GRIDARE PER L’ ENNESIMA VOLTA , AL COMPLOTTO CONTRO LE DESTRE .
    .
    SCELTA OCULATA , VISTO CHE L’ ELETTORATO DELLE DESTRE , ERA DELUSO DALL’ ASSENZA DI INTERVENTI GOVERNATIVI , PER RISOLVERE IN MODO EFFICACE , L’ ATTUALE CRISI .
    .
    QUANDO NON SI PUO’ AFFRONTARE LA SOSTANZA , SI CERCA DI IMPOSTARE LA FORMA ……….. UNA BELLA GUERRA RICOMPATTA L’ELETTORATO .
    .
    L’ ASSENZA DI QUESTI PROGRAMMI , TOGLIE VOCE A CHI SI INDIGNA DI CIO’ CHE STA ACCADENDO E PER QUESTO MOTIVO , BISOGNA SOPPERIRE A QUESTA MANCANZA DI INFORMAZIONE , FACENDOLA NOI SUL WEB .
    .
    UN ABBRACCIO ANGELA .

  2. Ciao Angela. Oramai c’è rimasta solamente la rete per protestare e dire le cose come veramente stanno… e la piazza!! Io ci sarò, sia venerdì sia sabato!! E spero ce ne siano tanti.

    Per quanto riguarda la notizia falsa… per la miseria, comincia a diventare difficile distinguere tra realtà e finzione!! Sarà quella del trapezista disoccupato??

    Comunque, buon pomeriggio a te!!

  3. Articoli postati più di rado, ma sempre efficaci e interessanti!!!

    Se posso permettermi, faccio un’aggiunta: approfondimento locale veneto, dove qualcuno che fa subdolamente campagna elettorale (e razzista) c’è. Questo mio post (e relativo apparato di commento) ne è una orribile testimonianza: http://steffanpaulus.wordpress.com/2010/03/09/un-volantino-alla-cittadinanza-o-ai-leghisti-appendice-a-san-fior-con-gentilini-razzista-per-una-sera%E2%80%A6-e-forse-anche-domani%E2%80%A6/

    Un caro saluto, a presto!

  4. Grazie a te mia cara compagna Angela!

    Grazie a te che leggi i miei post e prendi parte alle discussioni tenendo vivo il mio blog.

    Nel tuo post esprimi una triste realtà, io ho aperto gli occhi ed ho visto questo scempio, è sotto gli occhi di tutti, ma perchè ancora c’è gente che nonostante non riceva nulla a difendere questo scempio, lo condivide e lo propaganda come modello? Possibile che la gente sia così superficiale, ignorante da non fare caso all’evidenza? Questo è quello che mi fa più rabbia e mi crea nel cuore uno spazio pessimista che mi spinge a dire che non ce la faremo di questo passo.

    D’altro canto per mia stessa natura sono portato a non arrendermi mai, se occorrerà andrò sui monti, farò di tutto, andrò im piazza, mi impegnerò, ma dobbiamo vingere e nostro diritto salvaguardare il nostro presente, ma soprattutto iniziare a costruirci un futuro migliore. Buona serata Angela!

Lascia un commento